GIVE US SOME INFORMATIONS ABOUT YOUR BOOKING

Consorzio Vino Nobile Montepulciano

header icon
Alla scoperta del Vino Nobile di Montepulciano: Eccellenza senza tempo

Dalla fantasia di Loredana e dalle mani di Silvana, Franca, Pia, Mirella e tutta la Contrada di Collazzi, ecco una ricetta originale e deliziosa che viene dal contest “A tavola col Nobile”del 2004. La ricetta suggerisce una gustosa combinazione tra la delicatezza dei cannelloni di farro fatti a mano, ammorbiditi con la besciamella come vuole la tradizione, e il sapore rustico di selvaggina tipico del piccione, che innaffiato con un buon Nobile di Montepulciano trova il suo compimento più alto.

Buon appetito!

Ingredienti

  • 500 gr. farina di farro
  • 500 gr. farina di grano
  • 6 uova

Per il sugo di piccione:

  • 2 piccioni
  • 400 gr. di vitello
  • 400 gr. di maiale
  • 2 salsicce
  • Scalogno
  • Olio extravergine di oliva
  • 2 bicchieri di vino rosso
  • Besciamella fatta con 1 litro di latte, brodo di piccione, farina, burro

Come si prepara:

Preparate una sfoglia di pasta con le farine sopra elencate e le uova, poi fate cuocere in abbondante

acqua salata. Preparate un trito di scalogno e fatelo appassire in olio extravergine; aggiungete la

carne macinata di vitello e di maiale, la salsiccia e le polpe dei piccioni precedentemente cotte in forno con olio, rosmarino ed aglio. Aggiungete un bicchiere abbondante di vino rosso durante la cottura; a cottura ultimata, amalgamate una parte del sugo con la besciamella. Riempite i cannelloni e teneteli in forno a 150° per circa venti minuti. Una volta sistemati nel

piatto, copriteli con la rimanente parte di sugo non amalgamato con la besciamella e cospargeteli di semi di finocchio selvatico.

“Storicamente, come famiglia, non avevamo una fattoria nella zona del Nobile di Montepulciano, ma agli inizi degli anni ’90 abbiamo deciso di investire in questa zona perché è estremamente rappresentativa della Toscana e perché il Sangiovese della zona Nobile è di grande carattere. Una sfida che siamo stati felici di cogliere.” Così Albiera Antinori racconta come nasce La Fattoria La Braccesca, che ha due anime: una nella zona di Cortona, dove viene prodotto il Cortona DOC, e una nella zona di Montepulciano – 103 ettari di vigna nei cru di Cervognano, Gracciano e Santa Pia, dove la Famiglia Antinori produce il Santa Pia Vino Nobile di Montepulciano Riserva, il Vino Nobile di Montepulciano DOCG, e il Sabazio Rosso di Montepulciano. “Cerchiamo sempre di esaltare le caratteristiche del microclima dei vigneti. L’eleganza è la caratteristica che contraddistingue il nostro vino, e grazie a pratiche collaudate nei vigneti e in cantina – come seminellature precoci, più follature, e uno spostamento per gli affinamenti dalla barrique verso il tonneaux – otteniamo un vino intenso, elegante e saporito.”

Luigi Frangiosa, proprietario dell’azienda agraria La Ciarliana, cura la produzione, dalla vigna alla vendita. 21 ettari di vigneto, di cui 13 sul comune di Montepulciano e 8 sul comune di Chianciano. “Il nostro primo vino risale al 1996, la nostra è un’azienda familiare. Abbiamo una cura particolare dei vigneti, quasi maniacale: facciamo raccolta manuale in più passaggi, il nostro obiettivo è la qualità”. Il Vino Nobile di Montepulciano La Ciarliana è un vino con un’anima, che nasce da una forte passione e da un attaccamento particolare al territorio. L’azienda è in una zona a prevalenza argillosa e a terra rossa, ricca di minerali; questa mineralità viene trasmessa anche al vino, molto lungo in bocca alla degustazione. “È un vino molto strutturato, con grande corpo e grande colore, dovuto alle elaborazioni manuali che facciamo in cantina, che ci permettono di estrarre il massimo del colore e della struttura. Si abbina bene con grigliate e carni rosse o una bella bistecca alla fiorentina; è per palati da intenditori.”